sabato 23 marzo 2013

Torta di carote

L’orto di Melina.


Melina ormai si sa ha un rapporto privilegiato con la natura.  Vive direttamente sulla sua pelle il passaggio del tempo e lo osserva attentamente mentre scorre senza perdersi nemmeno una virgola, o una sfumatura. Il susseguirsi delle stagioni segnano per Melina si il cambiamento del tempo e il manifestarsi di agenti atmosferici, ma significa anche sempre nuovi e diversi lavori da fare. Con il 21 marzo la primavera entra ufficialmente e ufficialmente la fatina deve sbrigare dei lavori urgenti ed indispensabili. Prima di tutto deve ripristinare il proprio orticello. Nelle scorse settimane di pioggia, costretta a rimanere in casa, ha  lo ha progettato attentamente e meticolosamente: lo ha suddiviso in aiuole e in ogni aiuola ha assegnato la dimora di un ortaggio.
Ora finalmente sono alcuni giorni che non piove più, ed allora munita di stivaloni ed attrezzi esce all’aria aperta ed inizia a lavorare. Tra una aiuola e l’altra con la zappetta traccia piccoli sentieri  dove potrà camminare anche con la carriola senza calpestare la terra seminata. Questo stesso sentiero servirà poi per far scorrere le acque di irrigazione ed anche quelle piovane. E’ un lavoro duro quanto piacevole quello del lavorare la terra e dà grandi soddisfazioni. Ora tutto è pronto. Con il tempo ha selezionato i semi  migliori. Corre nel ripostiglio ed apre una scricchiolante porta di legno. Sistemati meticolosamente vi sono semi, bulbi e talee ognuna con su riportato il nome ufficiale e volgare della pianta che diverrà. Poi riposti su panche vi sono zoccoli e calosce, ed ancora forbici da potatura ed attrezzi più piccoli. Appesi alle pareti  fanno bella vista di loro attrezzi più grandi: un badile, zappette varie, vanga, sarchiello, rastrello, forcone, cazzuola ed una falce. Poi riposti in angolo ancora una carriola, un innaffiatoio ed un soffietto. Melina si alza in punta dei piedi ed osserva attentamente  un calendario appeso sotto il forcone. Il calendario è scritto piccolo piccolo e la fatina comincia ad avere un po’ di difficoltà nella lettura dei caratteri meno grandi.  Legge, conta, rilegge e riconta. “E no!!!” Proprio no si può! Siamo ancora in luna crescente! Se seminerò in questa fase della luna, presto tutte le mie piantine andranno in cima! E no questo proprio non si può!” Allora rovista attentamente tra i sementi e prende a questo punto solamente due  tipi di semi: carote e rapanelli.


"Questi cresceranno sotto terra e meno risentiranno delle fasi lunari. E poi mai e poi mai potrei fare a meno dei rapanelli piccanti per le mie insalatine miste ed ancora mai e poi mai potrei rinunciare alle carotine da sgranocchiare qua e là,per farne  dei soffritti profumati e per farne una magnifica torta! Per oggi ho lavorato veramente abbastanza!”. Melina si scrolla per bene la terra dalle calosce, rimette le sue scarpette e si avvia in casa. Si lava per bene le mani, indossa il grembiulino  e inizia ad impastare. Di lì a poco sfornerà una splendida torta… Che torta ? Ma senza dubbio una torta di carote!



Torta di carote!
Premessa: a me la torta di carote non è mai piaciuta! Ora lo scorso anno provai quei magnifici muffins (vedi ricetta qui), e capii che l’aggiunta di cioccolato mi era proprio piaciuta e mi aveva conquistata. Ora con le dovute modifiche ho sperimentato anche questa torta e vi assicuro ha riscosso un gran successo si tra i grandi che tra i piccini.
Invece volevo ancora precisare che tutte le notizie relative a come si fa un orto, ebbene quelle sono ricordi felici legati al mio passato e alla figura di mio padre che per tutta la vita ha fatto il commerciante, ma il suo vero sogno era quello di avere un magnifico orto in grado di sostentare tutta la sua famiglia. Lui riuscì a realizzare il suo orto, il suo meraviglioso orto biodinamico e realizzò il suo sogno. La felicità spesso sta dietro le cose più semplici!
Cosa serve per fare.
260 g di carote
200g di zucchero
3 uova
2 tuorli
200 g di mandorle sguscia tema con ancora la pellicina
30 g di farina
La scorza di un limone grattugiata
3 cucchiai di cioccolato fondente tritato un pizzico di sale.
Ed ancora per decorare….
Ghiaccia al limone e caramelline
Cosa fare per fare.
Lavare e grattugiare le carote. In una ciotola mettere tutti i tuorli e lavorarli con lo zucchero, poi unire le carote, la farina e le mandorle, la scorsa grattugiata e la cioccolata. Montare a neve le chiare con un pizzico di sale ed unire attentamente all’altro composto. Foderare di carta forno uno stampo di 24 cm circa e versare l’impasto. Infornare in forno già caldo  e cuocere per 40 minuti a 180°infornare, far raffreddare glassare con la ghiaccia  e decorare con le caramelline! E voilà la torta è pronta.
Con questa ricetta partecipo al giveaway
http://1.bp.blogspot.com/-EemrH3SHQ2I/UTCZFgBIU9I/AAAAAAAAHrs/reRL9NEVnxc/s1600/3.jpg

26 commenti:

  1. Ciao Serena :) Che buona la torta di carote, a me piace tantissimo e la tua è anche molto bella! :) Complimenti! :) La felicità è dietro l'angolo se solo lo vogliamo... ;) Un abbraccio, buon weekend! :**

    RispondiElimina
  2. Grazie Vale! grazie mille per tutto! E buon WE a te!

    RispondiElimina
  3. Bellissima e golosissima torta, Serena! Non potrei più stare senza le storie di Melina da leggere almeno una volta alla settimana!!!!
    http://fantasyjewellery1.blogspot.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie tesoro! melina ha una vita molto intensa.... e ha molto da raccontare! A proposito in settimana ti vorrei far veder una cosa e sapere cosa ne pensi! Un abbraccio forte forte

      Elimina
  4. Torta decisamente buona... decorazione simpaticissima!!!

    RispondiElimina
  5. Grazie tesoro e buona domenica....

    RispondiElimina
  6. Un dolce super sano e buono a me piace tanto, decorato così poi è bellissimo!!
    Belle ricette nel tuo blog ho dato un occhio e lo strudel mi ha rapito anni fa anche io sono stata in vacanza in sud tirolo a Campo Tures (valle Aurina) ed hai ragione sono posti meravigliosi infatti quest'anno ci torno!
    Ciao e buona domenica!

    RispondiElimina
  7. Grazie Lorena! grazie di tutto! Anche a me piacerebbe tornare almeno un anno in montagna per l'estate... ma ogni anno tra me e mio marito abbiamo difficoltà ri raccordare le ferie! Ma prima o poi ci tornerò! Buona domenica e a presto!

    RispondiElimina
  8. Carissima ho un piccolo dono particolare da una quattrozampe....passa da me domani l'ho programmato così perchè oggi non ero sicura di riuscire a finirlo.

    RispondiElimina
  9. nooooo non ci posso credere!!!! non vedo l'ora che arrivi domani!!!! un abraccio e a domani!

    RispondiElimina
  10. CIao, piacere di consocerti! LE tue storie sono davvero molto belle, è un piacere leggerele! Ottima la torta e ancora di più quello splendido strudel del precedente post.
    A presto.

    RispondiElimina
  11. Ma grazie mia cara... le mie sono storielle di vita quotidiana! Mi fa piacere che ti piacciano! Grazie anche per lo studel! A presto allora!

    RispondiElimina
  12. bellissimo il racconto e buonissima la torta :D
    grazie per aver partecipato e in bocca al lupo
    p.s. anche i broccoli hanno il sogno proibito di un orto e chissà prima o poi ci riusciremo anche noi :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mia cara grazie di tutto! E riguardo all'orto.... i cavoli in un orto sono indispensabili, sono il re dell'orto... perchè no allora!Un abbraccio e a presto!

      Elimina
  13. Io adoro i tuoi disegni!....anche le tue storielle......per non parlare della torta di carote!.....ho dimenticato qualcosa?!?......buona settimana cara.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma Letizia ... mi fai arrossire con tutti questi complimenti.... sei adorabile e sempre attenta ... ai particolari! Un abbraccio forte forte!

      Elimina
  14. Golosissima la torta, e che splendide decorazioni, complimenti SErena!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e allora che dire? grazie e a prestissimo! Un abbraccio forte forte ...

      Elimina
  15. E' veramente bella, bellissima questa torta, tra le mie preferite in assoluto per non parlare dei disegni deliziosi!Bacioni,Imma

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Detto da te...è un complimento grandissimo.... sapessi Imma quanto mi diverto a pensare, postare, disegnare.... ho scoperto con questo blog un mondo fantastico e... delle persone fantastiche! Un abbraccio forte forte!

      Elimina
  16. proprio l'altro ieri ho fatto una torta simile (che posterò)... ma premetto che invece a me la torta di carote E' SEMPRE piaciuta!
    Non potrò quindi dire di no ad una fettina del tuo splendido dolce! Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ummm non vedo l'ora di vedere la tua torta... Sai Fausta io vengo da una famiglia semplice semplice che viveva di cose prodotte solo con le loro mani, nel loro orticello... e al massimo i dolci che ho visto girare in casa mia erano la pizza brodosa o il pane con il vino e lo zucchero... ma questa è un'altra storia... Un abbraccio forte forte!

      Elimina
  17. Sempre un piacere passare da te. Meravigliosa la torta di carote, bellissime le tue parole ed i tuoi disegni!! Complimenti di cuore!!
    Un bacio grande!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il mio piacere più grande è ricevere le vostre visite...non pensavo proprio che avrei incontrato delle persone speciali come voi! un abbraccio forte forte!

      Elimina
  18. a parte la torta che è splendida..ma tu??!!!sei un mito!!a presto!un abbraccio grande:)

    RispondiElimina
  19. Grazie grazie grazie.... amprestissimo! Un abbraccio foret forte!

    RispondiElimina