domenica 27 gennaio 2013

Una...tira l'altra!

Una…. tira l’altra…

Certo che l’inverno è veramente lungo! E di tutti i mesi invernali, Gennaio è il re dei mesi lunghi!!!! Non finisce mai! Il tempo è quasi sempre grigio e le giornate sono corte corte. E poi… che freddo….
Lo sa bene Melina… non sa più cosa fare!!! Allora dunque, i lavori in giardino non si possono fare, i suoi amici animaletti sono quasi tutti in letargo e quelli che non sono in letargo se ne stanno pigri ed infreddoliti nelle stalle o nel pollaio! Anche Marcello il gallo del pollaio, non canta mica tanto volentieri … ogni mattina svogliatamente e con voce rauca da la sveglia e tutte le mattine è con con qualche minuto di ritardo. Dorina, la gallinella, fa sempre meno uova ha freddo anche lei….
L’orto è dismesso ,è dimesso e contenuto … ormai si aspettano i nuovi lavori primaverili… nenche le erbacce hanno voglia di moltiplicarsi.
Melina in casa ha fatto tutti i lavori che poteva fare: ha spolverato, ha tolto le ragnatele dagli angoli del soffitto e le briciole dagli angoli del pavimento. Ha riordinato tutte le dispense e rammendato tutte le calze. Tutte le mattine sprimaccia i cuscini, prepara zuppe e minestre e pane cotto a legna. Oogni pomeriggio sferruzza sferruzza ma ormai la sua sciarpa è diventata tanto lunga da essere troppo lunga anche per il collo di una giraffa.
Ogni domenica mattina dopo il bagnetto,ha pulito per bene le unghie delle sue mani ed ora sono belle bianche,  ha tagliato le unghie dei suoi piedi ed ora sono belle corte e finalmente  non foreranno più le calze. Anche le sue orecchie ora sono perfettamente linde e nei capelli ormai nessun nodo o nido vi si annida.
Ma che fare….Accarezza lentamente  il suo gattino, Mirtillo, ma  anche lui è ormai stanco delle coccole e vorrebbe sonnecchiare tranquillo Che fare…Le casette e le mangiatoie dei suoi amici uccellini straboccano e questi sono talmente grassi che non entrano più nella porta delle loro casette appese ai rami degli alberi del boschetto dietro casa di Melina Che fare….
“Va bene oggi  ho deciso…. farò un dolcetto…. ed inviterò le mie amiche per una bella merendina!!!!”
Veramente Melina aveva deciso “ Basta con questi dolci! Cosce e sedere stanno crescendo a dismisura !” Ma stare a dieta è duro anche per una fatina come Melina…. Soprattutto per una fatina golosa come Melina.
“ Si farò un dolcetto…. ma lo farò piccolo piccolo ed inviterò le mie amiche… così ne mangeremo un poco ognuno !”
Detto fatto!
Manda velocemente un invito alle amiche del cuore.
Poi indossa una ampio scialle regalatatela anni or sono  da una  fatina sferruzzina sua amica, e prende un cestino e per prima cosa si dirige verso il pollaio….ma oggi Dorina, come al solito ha fatto solamente un uovo…
Un po’ rattristata Melina ritorna in casa… pensa e ripensa… ma non sa proprio cosa fare… un solo uovo… Poi prende il suo ricettario quello unto e consunto, quello usato e riusato, quello dove ha annotato ricette che amiche generose le hanno svelato, ricette che la mamma e la nonna di generazione in generazione le hanno tramandato…, quelle che hanno fatto il giro del mondo,quelle che provengono dall’altra parte del mondo.  Vi sono ricette semplici semplici, altre difficili difficili. Vi sono ricette illustrate altre annotate. Ve ne sono di scritte a biro altre con matita scolorita… vi sono ricette provate e riprovate, altre ancora dimenticate… Poi pagina dopo pagina arriva ad una ricetta….. che si fa proprio al caso suo. Scorre velocemente con gli occhi sugli ingredienti, apre ante e armadi… rovista qua e là, lava le mani, indossa un grazioso grembiulino, arrotola le maniche della maglia. E comincia a versare, pesare, dosare   ed impastare…. Ed impasta impasta…  finchè non ottiene un impasto liscio liscio che lascia riposare.  Soddisfatta accende il forno… è molto allegra la fatina…. Ed ora con movimenti abili tipici di una fatina pasticcina… modella…. Tante ciambelline … e già la casa profuma… di cannella, di zucchero a velo,…di burro…. Ummm che buono si affaccia alla finestra e si accorge che la giornata non è poi mica così grigia…. Inforna e nella sua stufa a legna  e dì li a poco il profumo si fa ancora più intenso… inebriante… Toglie la maglia di sopra la fatina “ Non è poi così freddo questo gennaio” pensa la fatina….E’ ora… finalmente sforna….e allora nell’aria della casa il profumo esplode invade tutti i sensi… e subito l’acquolina riempie la bocca e svelta svelta la fatina afferra una ciambellina … “Ottima… ma troppo calda per assaporarla a pieno… ne mangia una seconda… “Penso proprio che siano venute perfette… ma vorrei renderle ancora più invitanti sia per la vista che per  palato!” E vi versa sopra una glassa di zucchero colorata…”Buone…” la bocca è piena… aggiunge ancora dei confettini colorati….”Ummmm c’è da leccarsi i baffi!!!!” E poi dai con un’altra ciambellina… epoi un’altra ancora… e ancora una……. “Ohi  ohi che mal di pancia…..” Le ciambelline sono finite… ne rimane solamente a memoria una piccola  ed un po’ storta e delle briciole sparpagliate qua e là… Non ce la fa proprio più la fatina…. “Accidenti! Stanno per arrivare le mie amiche….! Ed ora che si fa? No no non ce la faccio proprio a ricevere gente…” Allora Melina telegrafa un messaggio a tutte le sue amiche: ”Melina non può ricevervi Stop Causa gran mal di pancia Stop Nulla di grave Stop. Ci vedremo presto Stop Melina”
Melina toglie le scarpe, si sdraia sul divano accanto a Mirtillo che la annusa  con fare indagatorio Lo accarezza… “Non guardarmi così… non ho offerto le ciambelline alle mie amiche perché… perché sono tutte a dieta….Ho fatto loro un gran favore…”
Si gira verso il tavolo la fatina… e scorge quell’ultima ciambellina…
“ No no non guardare quella ciambellina: sai che il dolce fa male agli animali!” E per evitare qualsiasi tipo di tentazione allunga la mano, afferra la ciambellina e la porta alla bocca. “Che bisogna fare per salvaguardare la salute del proprio gattino!”
E dopo cinque minuti appena, Melina russa sonoramente e Mirtillo ronfa rumorosamente.

Cosa serve per fare….
375 g di farina manitoba
75 g di zucchero semolato
1 cucchiaio di cannella
½ bustina di lievito di birra disidratato
70 g di burro fuso
1 uovo (meglio se della gallina Dorina)
125 g di latte tiepido  e un altro poco per spennellare
40 ml di yogurt bianco
Scorza grattugiata di mezzo limone
Come fare per fare

Mescolare farina, cannella e lievito. A parte lavorare l’uovo, due cucchiai di burro fuso, il latte tiepido, lo yogurt e la scorza di limone.Mescolare questo impasto alle farine ed impastare fin quando non si otterrà un impasto liscio e morbido. Avvolgere con pellicola e far riposare e far raddoppiare l’impasto. Prendere di nuovo l’impasto  e stenderlo ad uno spessore di 1 cm. Con coppa pasta  tagliare delle ciambelline. Allineare le ciambelline su una teglia foderata di carta forno  e far riposare per almeno un’altra ora. Infornare a 190° per circa 10 minuti. Sfornare e spennellare con burro fuso e se vi va decorare a piacere con glasse, zucchero o corallini.
 Dette doughnut, queste ciambelline fantastiche, riscuotono sempre l’approvazione di tutti gli invitati soprattutto dei più piccini. Importantissimo : sono ciambelline cotte al forno e non fritte quindi leggere leggere… ecco perché Melina ne ha mangiate così tante.Buonissime…..

Con questa ricetta e con questa storia partecipo al contest:

11 commenti:

  1. oh, ma quanto rosso da queste parti!!! bella questa versione red! e non sai quanto sono contenta di sapere che ti è venuto tutto a meraviglia, brava!

    RispondiElimina
  2. Grazie Aria Grazie mille e abuon rendere. Ps: grazie anche dalle mie figlie

    RispondiElimina
  3. Great post. Nice atmosphere on your blog. I like it here. ;]
    Feel free to visit my blog. New images.
    If you like my picture like me on the fan page: https://www.facebook.com/pages/In-another-light/413836138693856
    I will be extremely grateful.

    Have a nice day. Yours. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh thank for you! I like your picture very munch and thank for your visit

      Elimina
  4. la gallina Dorina non ce l'ho, ma son pronta a replicare l'eseprimento con altro uovo. Replicare fino in fondo, intendo! Cioè... fino alla sparizione dell'ultima ciambellina!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei sempre la migliore cara Fausta!!! Buona settimana a te dunque!

      Elimina
  5. Mamma mia se l'inverno e' lungo, qui sembra non finire mai!!!!.....Bellissime queste ciambelle, sono certa che una tira l'altra!!! Baci

    RispondiElimina
  6. l'INVERNO è LUNGO,.. .L'INVERNO è GRIGIO,....POI QUANDO MENO TELO ASPETTI GIRI L'NGOLO E L'ARIA SI FA PIù MITE... ED è GIà PRIMAVERA!

    RispondiElimina
  7. ma che carini questi dolcetti, devono essere proprio come le ciliege, una tira l'altra :) Voglio provare a farli !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Serena!!! provali fammi sapere! Buon fine settimana!

      Elimina
  8. Bellissima storia, Serena, e sembrano davvero deliziose le ciambelline

    RispondiElimina