giovedì 25 aprile 2013

Limoncina e una crostata di limone meringata

Limoncina….e una crostata di crema al limone meringata


Crostata meringata

Gli amici sono preziosi.
Chi trova un amico trova un tesoro.
Un amico vale tanto oro quanto pesa.
…e bla bla e bla bla….
Ebbene ascoltate cosa è accaduto a Melina l’altro giorno.
Il postino le recapita una lettera. La carta un po’ ingiallita e ruvida ha un aspetto familiare e reca  su la scritta in corsivo
                                                Per Melina Fatina Pasticcina,
                                                                           via del Boschetto
Melina apre con cura la busta, ne estrae un foglio anch’esso ingiallito e lo spiega. Ora tutto le è chiaro!
A scriverle è Limoncina, fata Limoncina e con questa lettera annuncia il suo imminente arrivo.
”Sarò da te per questo fine settimana! Rimarrò per il fine settimana! Ci vedremo presto dunque, con sentita amicizia. Fata Limoncina!”
“Aiutooooooo” Grida subito Melina.
Ritratto di Melina  preoccupata per l'imminente arrivo

Limoncina è una fata un po’ esigente e per di più il suo carattere è anche acidulo…. Proprio come il succo di un limone.
E’ la fata del giallo e degli alberi dei limoni… e come questi è robusta quanto delicata, aggraziata quanto pungente.
Melina in questo periodo un po’ perché si sa Aprile è un dolce dormire, un po’ perché si è dovuta occupare dei lavori dell’orto e del giardino,… un po’ perché ama passare le giornate all’aria aperta piuttosto che rinchiusa in casa dopo questo lungo inverno,…. ebbene  Melina è rimasta indietro con i lavori di casa!  Ma l’imminente arrivo della fata sua amica mette Melina in trepidazione e agitazione. E di corsa a falciare l’erba del prato, e di corsa a lavare e rinfrescare tutta la biancheria, e di corsa togliere ragnatele e polvere, e di corsa di sopra e di corsa di sotto.
Finalmente il più è stato fatto ora non rimane che preparare un qualcosa di buono per deliziare l’ospite. Allora Melina indossa un grembiulino a quadretti e se va in cucina. Mescola, dosa, versa e impasta e prepara deliziosi manicaretti.
Ebbene per fortuna che fata Limoncina è rimasta solamente una notte!
Sentite, sentite bene.
Le coperte del letto erano a suo avviso troppo pesanti, mentre le spugne del bagno troppo leggere.
Il materasso troppo sottile, il cuscino invece troppo alto.
La mattina dagli scuri filtrava troppa luce, mentre la notte era troppo buia
L’acqua del bagno troppo fredda mentre la minestra troppo calda.
Insomma nulla sembrava andasse bene alla fata  che sfoggiava il meglio del suo carattere acidulo.
Poi finalmente a colazione Melina porta a tavola assieme a del tè e del caffellatte, una torta di limoni, per l’esattezza una crostata di limoni meringata.
Torta di limone

Limoncina ne prende una fetta e mentre bla bla continua a lamentarsi di questo e di quello, ne porta un pezzetto alla bocca.
Improvvisamente il suo sguardo si rasserena, i lineamenti e i contorni del suo viso si fanno meno spigolosi, e con voce dolce e soave sussurra…. “Ma è divina!”
“Ma quale alchimia, quale combinazione  di ingredienti, quale miscele per creare questa delizia?”
Melina  è sbigottita e perplessa…poi prontamente risponde
“Il segreto? La scelta degli ingredienti giusti! Le uova fresche delle mie galline, la farina del mulino e soprattutto… dei deliziosi,succosi e profumati limoni! Ho usato dei limoni che ho raccolto direttamente dal mio albero pochi secondi prima di spremerli! Sono i limoni dell’albero che un tempo tu stessa mi regalasti, quando decisi di venire a vivere a da queste parti!”

“Non avevo dubbi! Certamente per una ricetta come questa, per una delizia a tale livelli,… sicuramente doveva esserci il mio zampino!”
Melina non replica, non ha voglia di discutere. Incarta velocemente ciò che è rimasto della torta, prende la valigia di Limoncina e l’accompagna alla porta.
“Quasi quasi sarei rimasta qualche altro giorno…..dopotutto…”
“OH no non ricordi la notte buia, il materasso basso, il cuscino alto? …. E poi ancora…”
Limoncina è partita di corsa e speriamo non ritorni troppo presto. Ma prima di andarsene ha voluto la ricetta della torta….”Ebbene anche se il merito è dei limoni che io stessa ho pensato a far crescere da queste parte, ebbene segnami pure la ricetta”Ha detto.
Se ne è tornata a casa sua… è vero che chi ha tanti amici passerà giorni felici… ma è pur vero che chi certi amici partire vedrà ….ancor più felice di certo sarà!!!!!

Crostata di limone meringata

Questa crostata la prima volta mi è stata offerta dalla mia amica Antonella (anche lei bravissima pasticcera e ancora più brava di me nel fare le torte). Mi è piaciuta subito molto: è una crostata che rimane molto fresca soprattutto la crema e ottima dopo un pasto abbondante. Non solo avendo io questo enorme albero di Limoni ho pensato bene che questa potesse essere la ricetta ideale per sfruttare al meglio parte di questi preziosi frutti.
Vi lascio la ricetta così come Antonella l’ha lasciata a me , penso che sia stata tratta da un vecchio numero di Sale e Pepe!

Cosa occorre per fare
300 g di pasta frolla (non vi lascio la ricetta tanto ognuno ha la propria)
50 g di amido di mais
240 g di zucchero (120 + 120)
2 uova
2 limoni
3 dl di acqua
Come fare per fare.
Cuocere la base di frolla. Intanto preparare la crema. In una casseruola antiaderente mettere l’amido, la buccia di limine, 120g di zucchero e 3 dl di acqua. Portare a bollore e far cuocere per 2 minuti. Fuori dal fuoco incorporare il succo di limone e i tuorli. Versare la crema sulla base di frolla.
Ora montare a neve ben soda gli albumi e unirvi  i rimanenti 120 g di zucchero  ottenendo così una meringa. Infornare in forno già caldo  a 140° per 40 minuti circa: E voilà la torta è fatta

Con questa ricetta partecipo al contest di Valentina di




22 commenti:

  1. Buona questa crostata !Con la meringa poi deve essere deliziosa!!
    Baci!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. buona buona buona.... un abbraccio e a presto!

      Elimina
  2. eh..eh...il tuo racconto è strepitoso!!!e questa crostata..non ho mai provato questa ricetta..ma mi ha sempre ispirato deve essere buonissima!!!io poi adoro i limoni...e qualsiasi ricetta che contiene questo ingrediente!!Quindi sicuramente sarà strepitosa!!!^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mia cara ti assicuro che la torta è veramente strepitosa... l'nici problema è che poi non ci si accontenta di una fetta! Un abbraccio forte e a presto!

      Elimina
  3. Ciao prof. bello il racconto e buono il dolce ti auguro una bellissima giornata ciaooo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Edvige, grazie di tutto e buona giornata anche a te!

      Elimina
  4. che meraviglia questa crostata,sembra una vera delizia ....un abbraccio e felice giornata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mia cara Maria hai ragione... una vera delizia che riesce a coccolarti meravigliosamente!

      Elimina
  5. E' perfetta Sere, e ti ringrazio, la pubblico subito!
    Vale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contenta anzi contentissima... e a presto!

      Elimina
  6. mi sono appena unita ai tuoi lettori ...complimenti se ti va passa a trovarmi!!!!!baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie della visita corro da te per contraccambiare!

      Elimina
  7. magnifica ricetta e condivido anche la morale della favola, meglio soli che male accompagnati!!!
    http://fantasyjewellery1.blogspot.it/

    RispondiElimina
  8. Mia cara che piaere averti a casa mia! Ti abbraccio forte forte e ti ringrazio di tutto e per tutto!

    RispondiElimina
  9. e io mi ero persa questo ben di Dio??Meno male che ogni tanto sulla scia dei vostri commenti passo a salutarvi una ad una!!!
    Sei sempre tanto cara con me..grazie!!!
    un abbraccio grande e buona serata

    RispondiElimina
  10. Grazie a te Barbara... grazie per essere passata da queste parti e buona serata ate! Anzi a prestissimo!

    RispondiElimina
  11. mi rapisci con i tuoi post.talento allo stato puro..ma vogliamo parlare della torta.che splendore dio mio!ti auguro una buona settimana Sere!;) bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma dai..... mi fai arrossire.....Un abbraccio e apresto presto!

      Elimina
  12. Rilassante leggere i tuoi racconti!!
    Bravissima e mille complimenti per la splendida torta!!!
    Un abbraccio e a presto!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille mia cara! E un grande abbraccio anche a te e a presto!

      Elimina
  13. Che fortuna conoscerti oggi! Da tempo cercavo una ricetta come la tua e la tua storia poi... Grazie a te per la possibilità e le belle parole che hai scritto. A presto, Anna

    RispondiElimina
  14. Grazie a te per essere venuta a casa mia! E' un onore avere come ospite una persona come te!

    RispondiElimina